Radici nel Mondo promuove un turismo sociale e consapevole.

Isola Tiberina • Sulle rive della storia

Info brevi

Un appuntamento irripetibile, in un luogo unico…

La Tiberina è l’unica isola urbana del Tevere. Da qui gli antichi romani guadarono il fiume, oggi la scoviamo incastonata tra i muraglioni ottocenteschi.

Che storie raccontano i suoi antichi ponti? Quali la corrente che li attraversa?

Passeggiare nel surreale silenzio di questo pezzo di terra senza tempo, accompagnati dai racconti della nostra appassionata guida, ci farà percepire l’essenza dell’Isola.

Non puoi perdere questa occasione!

Quota di partecipazione

La quota di partecipazione è di 12 Euro

Iscrizioni fino ad esaurimento posti

Puoi prenotare compilando il form oppure contattandoci su info@radicinelmondo.it

Prossime Date:
Su richiesta. Compila il form in basso oppure contattaci per chiedere una nuova data.

Il tuo nome e cognome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo numero di telefono

Per quanto persone prenoti

Introduzione:

[…] E allora andiamo pure in isole lontane, ma non dimentichiamo che l’isola dei romani sta in mezzo al Tevere, ancorata da millenni come un bastimento che aspetta di salpare e non si decide, perché l’acqua del porto che lo sostiene racconta ogni giorno qualcosa di nuovo. Magari sono anni che non attraversiamo le passerelle di ponte Fabricio e ponte Cestio per salire a bordo dell’isola Tiberina. Potremmo ammirare l’obelisco, piantato come un albero maestro al centro della tolda, o la chiesa di San Bartolomeo, o quella piccola di San Giovanni Calibita, potremmo fermarci a mangiare al vecchio ristorante della Sora Lella o recarci a visitare un amico sfortunato all’ospedale Fatebenefratelli. Ma la cosa più bella è scendere a passeggiare sullo zoccolo bianco che le gira tutt’intorno, sfiorato dalla corrente. Ora l’acqua del fiume è scarsa e l’isola pare arenata in una malinconia. È un buon posto per sedersi e riflettere su tutto e su niente, lasciando che il vento ci mangi la sigaretta e ci scompigli i pensieri.

Brano tratto da “Isole – guida vagabonda di Roma” di Marco Lodoli

Condividi