MEDIOEVO EPOCA BUIA? A GUBBIO UN FESTIVAL PER SFATARE IL MITO

Epoca buia, oscurantismo, pestilenze, morte, guerre, superstizioni. Queste sono le parole con cui, fin dalla scuola, ci hanno descritto il Medioevo. Eppure basta leggere poco ed incuriosirsi per capire che l’epoca di mezzo fu una fucina di idee, invenzioni e scoperte dove Cattedrali e cannocchiali, sculture e culture riempirono l’Europa di personaggi storici ed eventi che segnano ancora la nostra quotidianità.

Tutto questo gli organizzatori del Festival del Medioevo lo hanno capito benissimo. Dal 30 Settembre a Gubbio, un insieme di eventi racconterà la magia di un’epoca per “per riflettere, capire e divulgare. Per scoprire noi stessi e la nostra storia. Per guardarci allo specchio e provare a riconoscerci.”

Ad aprire l’evento niente meno che lo storico, medievista, Franco Cardini. Professore universitario ed autore di moltissimi saggi su Gerusalemme, Le Crociate, Giovanna d’Arco, Francesco d’Assisi e chi più ne ha più ne metta.

Una delegazione di Radici nel Mondo parteciperà all’evento, che si svolgerà giusto qualche giorno prima della visita a Narni sotterranea.

Non si spaventino i pigri e gli impazienti!
Al Festival del Medioevo non solo incontri ma anche cene, mercati e mostre per raccontare mille anni della nostra storia in un evento che raccoglierà il testimone di uno degli ultimi più grandi studiosi d’Europa che vogliamo ricordare con le sue parole.

“Se studiate il Medioevo vi accorgerete che è diverso da ciò che siamo, da ciò che l’Europa è oggi diventata. Avrete come l’impressione di fare un viaggio all’estero. Occorre non dimenticare che gli uomini e le donne di questo periodo sono i nostri antenati, che il Medioevo è stato un momento essenziale del nostro passato, e che quindi un viaggio nel Medioevo potrà darvi il duplice piacere di incontrare insieme l’altro e voi stessi”.

Jacques Le Goff

Per maggiori informazioni
http://www.festivaldelmedioevo.it/
https://www.facebook.com/FestivalDelMedioevo?fref=ts

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *